FAME di TERRA – Riflessione a più mani


Giu ’12
7
18:30

An economART project of AMY d arte spazio & Laboratorio Alchemico

FAME di TERRA
Riflessione a più mani

Lisa van Bommel, Valentina De’ Mathà , Alberto Gianfreda, Emanuele Magri, Antonio Piga, Ri Ren, Daniele Salvalai, Federico Unia, Cyryl Zakrzewski

La piattaforma ideologica economART ci introdurrà al tema della “Permacultura” cultura permanente evoluzione della “Permacoltura”(agricoltura permanente).
Bill Mollison scriveva: “avevo capito che l’intero sistema agricolo mondiale non era concepito per produrre cibo, ma soldi e che la permacultura era la vera soluzione alla fame nel mondo”.
Cos’ hanno in comune “ALAMAR”(la rivoluzione verde cubana), IL MOVIMENTO DELLE PATATE” di Volos (Grecia) e l’italiano GAT (gruppo acquisto terreni) per un’ economia solidale e sostenibile?
La necessità di “ tornare alla terra”.
Queste asserzioni, alla luce del famigerato “Land Grabbing” (appropriazione di terreno) come  nuova forma di colonialismo, ci inoltra nella tematica al centro del nostro progetto artistico “FAME DI TERRA” di AMY-d Arte Spazio.
Ha iniziato L’Arabia Saudita con l’acquisto di terreni in Etiopia e locazione di terreni in Zambia e in Tanzania seguita dalla Cina sempre in cerca di risorse alimentari, dall’India che, a parte l’Africa, rastrella in Argentina, Malesia e Madagascar, Corea del Sud e Libia.
Questo sistema non incide minimamente nello sviluppo dei paesi dove viene praticato,  in quanto cinesi e indiani impiegano e usano loro connazionali per il lavoro della terra, arrivando ad usare, come nel caso della Cina, decine di migliaia di carcerati.
I prodotti coltivati o estratti, vengono immediatamente “assimilati” dai mercati interni cinesi e indiani.
In Etiopia l’ettaro è valutato dai 3 ai 10 dollari, la Corea ne ha acquistati 2,3 milioni di ettari, Pechino ne possiede 2,1 milioni, l’Arabia Saudita 1,6 milioni, gli Emirati 1,3 milioni.
Nel nord del Sudan la terra è affittata a 2 / 3 dollari l’anno.
Questi sono i nuovi imperi in nome dell’agrobusiness; la terra si svende come l’anima grazie alla “soft power “ strategia politica per la penetrazione in Africa.
Esiste ancora in arte la capacità di un pensiero politico sociale?
Esempi come quello dell’artista Renzo Martens che con il suo lavoro (Episode 3  Enjoy Powerty del 2009) ci ha offerto una traccia da percorrere e un neon per vedere.
Vedere oltre come l’arte sa fare.
La selezione ha premiato i lavori di artisti che investigano la tematica in modo sistemico tale da stabilire un dialogo tra le varie opere e il pubblico.
La ricerca di Emanuele Magri tratta la manipolazione genetica, le installazioni di Valentina De’ Mathà, strutture cellulari, la simbiosi tra Uomo-Natura-Mutamento, il murales di Federico Unia rimanda al primate, la scultura di Daniele Salvalai alla dicotomia uomo-predatore. Lisa van Bommel con la sua Tragbare Garden , l’artista polacco  Cyryl  fa una scommessa intelligente sul futuro della Terra, Antonio Piga  ci svela la dimensione  famelica della nuova colonizzazione, Alberto Gianfreda  riflette sul lavoro e territorio mentre  la cinese Ren Ri  assolutamente coerente con la sua identità etnica parla della operosità  nazionale, con un’alta e invalicabile muraglia  …..quella dei confini geografici.
Gli artisti partecipanti diventano così veri guerrieri urbani con le loro piccole –grandi rivoluzioni creative, veicolo della più complessa “rivoluzione economico/sociale ” che stiamo vivendo.
L’estetica e la scelta dei materiali per “Fame di terra” di Amy – d Arte Spazio sono finalizzate ad aumentare l’esperienza emotiva umana legata alla terra in quanto luogo  di riflessione non solo produttivo : vero Hortus conclusus.

Vandana Shiva ai giovani italiani: “occupate le terre, così come occupate le piazze”.

Il video del vernissage di “Fame di Terra” presso Amy d Spazio Arte – Milano
Immagine anteprima YouTube

AMY – d Arte Spazio – Milano
Opening: 07 giugno 2012, ore 18.30

AMY – d Arte Spazio, Via Lovanio 6 – Milano
MM 2 Moscova
003902654872 – 00393480306211
www.amyd.it – info@amyd.it

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment