Noterelle sulla cultura


Omaggiamo i nostri soci ed amici con “Noterelle sulla cultura” un un’ebook del curatore Christian Caliandro con il quale precedentemente abbiamo collaborato per la realizzazione della mostra “AMALASSUNTA COLLAUDI” ad Ascoli Piceno.
Le immagini e le opere presenti nel saggio sono di: Alberto Savinio, Alfredo Jaar, Federico Solmi, Gian Maria Tosatti, Olivier Assayas, Pierluigi Giorgi, Pier Paolo Pasolini, Silvia Camporesi e Tamburini – Liberatore.
Di seguito troverete alcuni stralci, presi tra le diverse parti del breve saggio:

“Lo strappo: lo scarto riconoscibile guardando qualunque collezione di arte contemporanea italiana. La frattura “avviene”, compare con regolarità tra anni Ottanta e Novanta. Prima di allora, un insieme
molto coerente e dignitoso di ricerche; dopo, negli ultimi venti-venticinque anni, un disorientamento. Che non è una semplice distorsione prospettica: al tempo stesso, qualcosa di più e di meno. Emerge un desiderio forte, potente di conformismo…”
***
…”Il problema fondamentale, e il più grave, dei discorsi per così dire “professorali” sulla cultura è quello di non tenere conto della realtà. Del contesto di riferimento che si è venuto a creare negli ultimi decenni – a livello di produzione e di fruizione culturale, di percezione diffusa della cultura, di rapporto tra cultura e società. Cioè, si parte sempre dal presupposto che la realtà sociale abbia subìto una deviazione, una distorsione (che viene assunta come dato acquisito) – ma non ci si preoccupa minimamente di indagare, analizzare, scandagliare questa distorsione fondamentale come processo storico e culturale.”…
***
…È chiaro che, in un quadro di questo tipo, la tendenza maggioritaria a livello sia internazionale che nazionale sia quella della spettacolarizzazione, che a sua volta prosegue e acuisce un percorso caratteristico dell’ultimo ventennio: se la spettacolarizzazione dell’arte contemporanea da un lato è estremamente congeniale al tipo di committenza che si è venuta affermando negli ultimi anni (moda, design), dall’altro si presenta molto bene come la diversione più efficiente e al tempo stesso l’antidoto immediato ai dubbi strutturali che la crisi pone – e porrà – anche al sistema artistico globale. In quest’ottica, il museo, lo spazio espositivo e l’opera si spostano così sempre più verso il territorio dell’effimero, dell’entertainment, del “teatrale, performativo, divertente” …

File da scaricare:
Notarelle (epub_pdf_doc)

 

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment